Elav Indie Festival 2015: Grazie!

Ci sono più di 20.000 persone che meritano i nostri ringraziamenti più sentiti, veri, nati, cresciuti, maturati e ragionati.

L’Elav Indie Festival è stato qualcosa di sensazionale che è andato oltre ogni più ottimistica aspettativa di partecipazione, armonia e qualità.

I nostri ringraziamenti vanno a tutti i ragazzi e le ragazze che han partecipato al festival. Lo hanno fatto con due o più dita di testa, dimostrando di essere almeno una spanna sopra ai pregiudizi che si hanno sulle nuove generazioni.

Grazie anche alle numerose famiglie con genitori e figli di qualsiasi età. La loro presenza ci ha fatto capire quanto lo spirito che ci appartiene e che cerchiamo di trasmettere, sia condiviso da coppie che a loro volta vogliono trasmetterlo ai loro figli.

Grazie anche ai bambini e agli anziani. Nessuno è risultato fuori luogo, anzi ognuno ha partecipato a creare uno stupendo equilibrio. Nessuna situazione critica fra le migliaia di persone che hanno invaso l’Elav Indie Festival. Tanta educazione, quasi come se ci fosse stata una selezione naturale di gente per bene che ha dimostrato come una birra in più non sia un problema se bevuta con consapevolezza.

osservatore elaviano

Ringraziamo anche le diverse realtà ospiti che hanno permesso all’Elav Indie Fest di allargare la propria offerta culturale abbracciando Editoria (con Bolo Paper, CTRL e Corpoc), Fumetti (con Sert), Cinema (con Biografilm di Bologna), Street Art (con la Serigrafia Pigmenti, in particolare l’artista Andrea Casciu), Artigianato (con il gruppo di Olera della Manifestazione “Arte e Buoi”) e Pasticceria (con la Pasticceria Ferrandi).

Un immenso grazie va agli amici del Birrificio Pontino (di Latina), Birrificio Amiata (di Grosseto) e il Locale Einmass di Montello che hanno condiviso con noi la gioia di stare dietro il bancone che, mai come in queste occasioni, si rinnova e si fortifica.

Un grazie speciale come le vibrazioni positive che hanno prodotto va ai fonici di Suono, alle band e ai musicisti di tutte le quattro serate: Orobian Pipe Band, Giulia Spallino, Cristina Donà, Bleeding Eyes, Humulus, Rich Apes, Eazy Skankers, Sistah Awa e Raphael, Brawn Barcella djset e Coffee.N.Television djset, John Robinson, Drew McConnell’s Helsinki e Steve Smyth.

Un grazie al Comune di Alzano e alla proprietà della Cartiera Pigna che ci ha permesso di realizzare un sogno.

Un ultimo ringraziamento lo dedichiamo a noi: al fantastico staff che ha tenuto botta per quattro sere spillando più di 10.000 litri di birra, rispondendo a centinaia di richieste di informazioni, cucinando migliaia di piatti, montando e smontando, mettendo e spostando, pulendo e pulendo ancora, cercando il miglior suono possibile.

Grazie soprattutto per averci messo l’anima, tutti.

Pin It

Tags: Eventi